Aziende come Tesla, Uber, Cruise e Waymo promettono un futuro in cui le auto saranno essenzialmente robot mobili che potranno portarci ovunque con pochi tocchi su uno smartphone. Ma una nuova categoria di veicoli sta per superare le auto a guida autonoma in questo salto nel futuro. I camion autonomi stanno silenziosamente facendo altrettanti progressi verso la diffusione commerciale, e il loro impatto sul trasporto di merci sarà senza dubbio profondo.

Tra quasi una dozzina di aziende che sviluppano il trasporto autonomo, TuSimple, con sede a San Diego, sta cercando di andare avanti combinando una tecnologia unica con una serie di partnership strategiche. Lavorando con il produttore di camion Navistar e il gigante delle spedizioni UPS, TuSimple sta già conducendo operazioni di test in Arizona e Texas, tra cui corse autonome da deposito a deposito. Tali test vengono eseguiti sotto quella che è conosciuta come “autonomia supervisionata”, in cui qualcuno viaggia in cabina ed è pronto a prendere il volante se necessario. Nel 2021, la startup prevede di iniziare a fare a meno della supervisione umana, lasciando che i camion guidino da soli dal ritiro alla consegna senza nessuno a bordo.

Sia le auto che i camion autonomi si basano su una tecnologia di base simile: I sensori – tipicamente telecamere, lidar e radar – forniscono dati a un computer, che a sua volta controlla il veicolo utilizzando le competenze apprese attraverso una massiccia quantità di formazione e simulazione. In linea di principio, sviluppare un camion autonomo può essere un po’ più facile che sviluppare un’auto autonoma. Questo perché, a differenza dei veicoli passeggeri, i camion – in particolare gli autoarticolati a lungo raggio – generalmente seguono percorsi fissi e passano la maggior parte del loro tempo sulle autostrade che sono più prevedibili e facili da percorrere rispetto alle strade ordinarie. I camion sono anche una piattaforma migliore per l’autonomia, con le loro grandi dimensioni che forniscono più potenza per i computer e un migliore campo visivo per i sensori, che possono essere montati più in alto.

TuSimple sostiene che il suo approccio è unico perché la sua attrezzatura è costruita appositamente da zero per i camion. “La maggior parte delle altre aziende in questo settore hanno sviluppato le loro idee dal DARPA Grand and Urban Challenges per i veicoli autonomi”, dice Chuck Price, Chief Product Officer di TuSimple. “Ma le dinamiche e i comportamenti funzionali dei camion sono molto diversi”.

La più grande differenza è che i camion devono essere in grado di percepire le condizioni con più  anticipo, per consentire una distanza di arresto più lunga. La gamma pratica di 200 metri del lidar che la maggior parte delle auto autonome usano come sensore principale non è abbastanza efficace per un camion a pieno carico che viaggia a 120 chilometri all’ora. Invece, TuSimple si affida a più telecamere HD che guardano fino a 1.000 metri di distanza quando possibile. Il sistema rileva altri veicoli e calcola le loro traiettorie a quella distanza, che secondo Price è circa il doppio di quanto i camionisti professionisti guarderebbero mentre sono alla guida.

Price sostiene che questa capacità dà al sistema di TuSimple più tempo per prendere decisioni sul modo più sicuro ed efficiente di guidare. Infatti, i suoi camion usano i loro freni meno spesso dei camion gestiti da autisti umani, portando a miglioramenti nell’economia del carburante di circa il 10 per cento. Una guida più stabile, con meno movimenti da un lato all’altro di una corsia, porta ulteriori guadagni di efficienza, minimizzando anche l’usura degli pneumatici. Price aggiunge che i camion autonomi potrebbero anche aiutare ad affrontare la carenza di autisti di camion, che dovrebbe crescere ad un tasso allarmante.

La flotta di TuSimple di 40 camion autonomi ha trasportato merci tra i depositi di Phoenix, Tucson, Dallas, El Paso, Houston e San Antonio. Questi percorsi sono circa il 95% di autostrada, ma i camion possono anche gestire autonomamente le strade ordinarie, portando il loro carico per l’intera distanza.  I suoi veicoli si uniscono a una crescente flotta di camion robotici di concorrenti come Aurora, Embark, Locomation, Plus.ai, e anche Waymo, lo spin-off di Alphabet che si è a lungo concentrato sulle auto a guida autonoma.

Entro il 2024, TuSimple prevede di raggiungere il livello 4 di autonomia, il che significa che i suoi camion saranno in grado di operare senza un conducente umano in condizioni limitate che possono includere l’ora del giorno, il tempo, o i percorsi premappati. A quel punto, TuSimple inizierà a vendere i camion agli operatori delle flotte. Lungo la strada, tuttavia, ci sono diverse altre pietre miliari che la società deve colpire, a partire dal suo primo test “driver out” nel 2021, che Price descrive come una dimostrazione critica del mondo reale.

 

Fonte: https://spectrum.ieee.org/transportation/self-driving/this-year-autonomous-trucks-will-take-to-the-road-with-no-one-on-board