L’Autonomous Vehicle Alliance (AVA), l’Intelligent Transportation Society of America (ITS America) e l’AARP, hanno rilasciato una ricerca che per la prima volta guarda alla mobilità senza barriere oltre il semplice veicolo.
L’accessibilità del veicolo è fondamentale per le persone con una disabilità, ma lo sono anche le immediate vicinanze quando entrano ed escono dal veicolo.
“Per la prima volta, i produttori di veicoli e i creatori di infrastrutture hanno l’opportunità di lavorare insieme e creare un linguaggio di progettazione comune che entrambi potrebbero usare”, ha detto Tim Woods, direttore generale dell’AVA. “Possiamo fornire una soluzione che soddisfi le esigenze di mobilità della maggior parte degli utenti dei trasporti. L’autonomia ci sta dando la possibilità di fare le cose in un modo che non abbiamo mai fatto prima”.
“Questo è un altro esempio del potere della tecnologia dei trasporti di trasformare la vita delle persone – in questo caso, per coloro che non hanno accesso alle tradizionali modalità di mobilità che molti di noi danno per scontate”, ha detto Shailen Bhatt, Presidente e CEO di ITS America.
Un veicolo accessibile e senza barriere è stato un bisogno comunemente citato tra gli ecosistemi comunali, di invecchiamento e sanitari. La ricerca in oggetto identifica le loro esigenze e come le persone di varie abilità potrebbero interagire con questi veicoli e infrastrutture. Delinea tre aree di opportunità per aumentare le opzioni di mobilità:

Fusione del mondo fisico con strumenti digitali di orientamento. Se il veicolo e l’infrastruttura sono designati come mondo fisico, si pone la questione di come potrebbero fondersi senza soluzione di continuità con strumenti digitali, software e un backend abilitante. Se ciò accadesse, faciliterebbe viaggi più personalizzati, eliminando lo stress delle sfide di mobilità e garantendo un viaggio completo dal punto di origine alla destinazione.

Capire come il linguaggio dell’Universal Design potrebbe avere un impatto sui veicoli automatizzati. Costruire veicoli e infrastrutture che soddisfino le esigenze dell’85% del pubblico è fattibile e raggiungibile. Sfruttare il design universale (UD) consentirebbe di spostare l’attenzione sull’ingresso libero (nessun gradino richiesto), un’elevata distanza dalla testa (necessaria per sedie a rotelle e altri dispositivi di mobilità), e caratteristiche interne del veicolo che soddisfino le esigenze di tutti i passeggeri. Se gli sviluppatori usano il linguaggio UD per creare strumenti digitali di mobilità, i sistemi di gestione dei veicoli potrebbero presentare informazioni rilevanti e in tempo reale a un livello più personale.

Coordinare il linguaggio di progettazione del veicolo con l’infrastruttura. Pensare in modo olistico all’intera esperienza di mobilità ha permesso ai ricercatori di identificare una nuova opportunità: il linguaggio di progettazione per lo sviluppo di nuovi veicoli dovrebbe essere coordinato con il linguaggio di progettazione per costruire l’infrastruttura con cui interagiscono. Questo approccio massimizzerebbe l’efficienza e permetterebbe ai motociclisti di navigare senza soluzione di continuità nei loro viaggi, con il potenziale per il veicolo di creare la propria infrastruttura se necessario.
Attualmente, più di un miliardo di persone in tutto il mondo vivono con una disabilità, e più del 60 per cento delle persone con disabilità riportano grandi ostacoli per quanto riguarda i viaggi e la mobilità. Negli Stati Uniti, un adulto su quattro – 61 milioni di persone – ha una disabilità e con l’età la disabilità diventa più comune, colpendo circa due adulti su cinque di 65 o più anni.


La ricerca include anche mappe di viaggio che descrivono in dettaglio come le persone con vari livelli di abilità potrebbero navigare in vari viaggi che includono un veicolo accessibile. Anche se questa ricerca non suggerisce un tipo di veicolo specifico, i risultati puntano a uno Shuttle Autonomous Vehicle (SAV).
La ricerca ha incluso interviste approfondite con i principali stakeholder e utenti finali, brevi sondaggi e una rassegna della letteratura che ha discusso il potenziale impatto che Mobility on Demand (MOD), automazione dei veicoli,  progettazione delle strade ed evoluzione delle tecnologie di assistenza possono avere nel ridurre gli ostacoli alla mobilità per tutti. La revisione della letteratura è stata condotta da ITS America e sponsorizzata da AARP.

Per maggiori informazioni:

https://itsa.org/wp-content/uploads/2021/03/508_Accessible-Barrier-Free-Mobility-Literature-Review-31-Jan-2020.pdf

https://itsa.org/wp-content/uploads/2021/03/508_ABF_-Distribution-Copy.pdf