Il Parlamento Europeo ha pubblicato un report sull’impatto dell’intelligenza artificiale  (IA) sul trasporto stradale.

Il testo del report completo è consultabile QUI.

I  trasporti sono uno dei settori in cui le tecnologie dell’intelligenza artificiale stanno vedendo un rapido
assorbimento. I sistemi AI possono rilevare modelli in un grande volume di dati e modellare soluzioni complesse che consentono una maggiore efficienza nel processo decisionale e una migliore allocazione delle risorse.

La più grande trasformazione nel settore, ancora da venire, sarebbe la diffusione di un elevato numero di veicoli autonomi e sistemi di gestione del traffico potenziati. Molte stime mostrano che l’applicazione di sistemi di intelligenza artificiale nel settore dei trasporti può portare alcuni importanti benefici all’economia e creare posti di lavoro, che potrebbero contribuire a bilanciare gli effetti negativi che l’automazione porta con sé, come la perdita di posti di lavoro poco qualificati. Da diversi anni ormai, il Parlamento europeo indica che il settore dei trasporti è fondamentale per l’IA e sostiene l’armonizzazione delle regole per migliorare l’automazione transfrontaliera e lo sviluppo di veicoli collegati e autonomi (CAV).
Ciò potrebbe sfruttare appieno il loro potenziale economico e consentire all’UE di beneficiare degli effetti positivi delle tendenze tecnologiche. Nel 2021, la Commissione europea ha in programma di affrontare l’attuale vuoto giuridico e presenterà una serie di proposte legislative orizzontali riguardanti l’IA.
In questo contesto, il presente rapporto analizza gli strumenti per lo sviluppo e la diffusione dell’IA nel trasporto stradale. Questi sono: (i) infrastrutture, (ii) tecnologia, (iii) investimenti, (iv) etica, (v) quadro giuridico e politico e (vi) accettazione sociale. Successivamente identifica le lacune e le barriere che ancora persistono e che ostacolano lo sviluppo potenzialmente benefico dell’IA (Capitolo 2). Infine, il rapporto stima il costo della non-Europa (CoNE) – il costo di non agire a livello UE – per l’IA nel trasporto su strada.
Tale calcolo si basa sullo studio su cui poggia il presente rapporto. A tal fine, il rapporto analizza in dettaglio solo alcuni fattori abilitanti dell’IA (politiche e legislazione dell’UE, e come potrebbero aumentare l’accettazione sociale dell’IA con regole di regolamentazione). Il rapporto presenta tre serie di azioni politiche dell’UE che vanno da quelle meno ambiziose – nessun intervento aggiuntivo a livello UE – a quelle più ambiziose, che affrontano le attuali debolezze del regime di responsabilità e rafforzano la fiducia e la sicurezza degli utenti dell’IA nel trasporto stradale.


Perché agire a livello UE?

Importanza dell’IA per il settore dei trasporti – Impatto potenziale sull’economia, la società e l’ambiente

Una serie di ricerche ha confermato il grande potenziale economico, sociale e ambientale che potrebbe essere realizzato attraverso l’ampia adozione dell’IA nel settore dei trasporti. Si ritiene che la società guadagnerà innumerevoli ore di produttività con la sola introduzione del trasporto autonomo e che l’IA influenzerà i nostri problemi di congestione del traffico, per non parlare degli altri modi in cui migliorerà la produttività sul lavoro. Liberati dai fattori di stress del pendolarismo, gli esseri umani potranno trascorrere il loro tempo in una varietà di altri modi.
Varie analisi e sviluppi del mercato dimostrano che la robotica e l’IA hanno un enorme potenziale economico in tutto il mondo e in particolare per l’Unione Europea. L’ultima edizione 2019-2024 di “Mapping of the Cost of Non-Europe” stima un potenziale aumento di efficienza all’interno dell’economia europea di 206 miliardi di euro all’anno entro il 2025, se saranno introdotte politiche UE appropriate per promuovere e regolamentare le tecnologie di IA. L’ultimo rapporto del McKinsey Global Institute per la Commissione Europea, stima che l’impatto economico netto nell’UE entro il 2030 di tutti i tipi di tecnologie ad alto impatto che daranno forma all’economia e alla società europea potrebbe valere 2,2 trilioni di euro in PIL aggiuntivo cumulativo o il 14,1% in crescita rispetto al 2017. Molte di queste tecnologie ad alto impatto sono cruciali per l’IA e la robotica nel settore dei trasporti. Tra gli esempi di tecnologie e infrastrutture vi sono l’intelligenza artificiale, l’analisi di grandi dati, l’internet delle cose e l’internet e le infrastrutture NextGen (come 5G e oltre), mentre tra gli esempi di tecnologie applicate ad alto impatto vi sono la mobilità autonoma e le smart city.

Un’altra analisi riguardante specificamente i trasporti prevede un grande potenziale economico, in particolare per i veicoli autonomi, che potrebbe aumentare cumulativamente il PIL dell’UE del 5,3% entro il 2050 rispetto al 2016 e portare fino a 17 mila miliardi di euro all’economia europea entro il 2050. Uno studio PWC dal 2018 prevede che il settore dei trasporti e della logistica in Europa aumenterà il PIL in media del 10 % a partire dal 2018 entro il 2030. La Commissione Europea nel frattempo stima che entro il 2030 i sistemi di trasporto intelligenti potrebbero ridurre il consumo di carburante e le emissioni di CO2 di 1,2% annuo. L’IA consentirà inoltre di ridurre le ore di traffico e, a titolo di esempio, si stima che questo porterà circa 23 miliardi di euro (20 miliardi di sterline) di risparmi al solo PIL del Regno Unito.

L’ottimizzazione della rete di trasporto potrebbe portare a un risparmio di circa 100 miliardi di euro annualmente sui costi sostenuti nell’UE a causa della congestione del traffico, in particolare nelle aree urbane e nelle zone limitrofe.

Tra i principali vantaggi sociali più ampi dell’uso dell’IA nei trasporti vi è la riduzione del traffico stradale causato da incidenti (riducendo il fattore umano responsabile del 90 % degli incidenti mortali) e il miglioramento della qualità della vita soprattutto delle persone con disabilità, per le quali la guida tradizionale altrimenti costituisce una barriera. Gli effetti sull’occupazione potrebbero essere doppi. Da un lato, ci si aspetta che i posti di lavoro scarsamente qualificati vadano persi a causa dell’IA. Dall’altro, i lavoratori più qualificati avranno maggiore richiesta.

Oltre ai vantaggi economici e sociali, anche i sistemi di IA nel settore dei trasporti possono comportare una serie di rischi, relativi, ad esempio, al rispetto dei diritti fondamentali (come la sicurezza dei dati e la privacy), difficoltà di attribuzione della responsabilità, o gli effetti ambientali dell’aumento dei viaggi utilizzando veicoli autonomi e collegati.

Posizione del Parlamento europeo sull’IA nel trasporto stradale

Il Parlamento europeo è stata la prima istituzione dell’UE a richiamare l’attenzione sull’enorme potenziale delle tecnologie di IA per l’economia, la società e l’ambiente, ma anche sui rischi che la diffusione di tali tecnologie potrebbe comportare. Nel 2017 il Parlamento ha adottato una risoluzione con raccomandazioni alla Commissione sulle norme di diritto civile in materia di robotica. Questo è stato il primo documento politico a livello UE che ha delineato in modo esaustivo le sfide normative relative alle tecnologie dell’IA e alla robotica. Esso raccomandava alla Commissione europea di intraprendere un’azione legislativa per affrontare tali sfide.
La risoluzione del Parlamento del 2017 ha identificato una serie di questioni orizzontali che richiedono l’attenzione legislativa dell’UE in relazione allo sviluppo e alla diffusione delle tecnologie di IA nell’UE.

Tali questioni orizzontali includevano: responsabilità, etica, proprietà intellettuale, flusso di dati, standardizzazione, investimenti in ricerca e sviluppo e facilitazione di un quadro istituzionale per migliorare la cooperazione tra gli Stati membri e la Commissione europea. La risoluzione inoltre ha individuato una serie di settori economici che, nel contesto degli sviluppi delle tecnologie dell’IA, richiedono particolare attenzione da parte dei legislatori dell’UE. I mezzi di trasporto autonomi, compresi i veicoli autonomi e i droni, sono stati identificati come uno dei cinque settori che richiede più urgentemente una riflessione politica da parte dell’UE.
Dall’adozione della risoluzione del 2017, il Parlamento europeo ha continuato a lavorare sulle questioni specifiche relative alle tecnologie di IA individuate nella risoluzione. Così nel 2019 il Parlamento ha adottato una risoluzione che affronta in modo specifico le sfide del settore dei trasporti – “Guida autonoma nei trasporti europei”. In relazione allo sviluppo dell’IA nei trasporti, questa risoluzione sottolineava che “quadri normativi adeguati, che garantiscano un funzionamento sicuro e che prevedano un chiaro regime di responsabilità, dovranno essere in vigore il più presto possibile al fine di affrontare i cambiamenti che ne derivano, compresa l’interazione tra veicoli autonomi e infrastrutture e altri utenti”. La risoluzione sottolinea inoltre le preoccupazioni del Parlamento espresse nella sua risoluzione del 2017 in relazione alla regolamentazione della responsabilità e alla necessità di corrispondente azione legislativa. Di conseguenza, il Parlamento ha ribadito il suo invito alla Commissione a rivedere la legislazione vigente in materia di responsabilità civile, assicurazione, registrazione e protezione dei dati personali, perché queste regole “non sarebbero più sufficienti o adeguate di fronte ai nuovi rischi che emergono dall’aumento dell’automazione, della connettività e della complessità dei veicoli”.
Il Parlamento ha inoltre proseguito il suo lavoro sulle questioni orizzontali relative allo sviluppo all’adozione delle tecnologie dell’IA e, nel 2020, ha adottato due risoluzioni legislative: sugli aspetti etici  dell’intelligenza artificiale, della robotica e delle tecnologie correlate e sul regime di responsabilità civile.

La risoluzione 2020 su un quadro etico (la risoluzione 2020) ha una sezione specifica sulle applicazioni AI nel settore dei trasporti. Quando si tratta di applicazioni di IA nel settore dei trasporti, il Parlamento evidenzia innanzitutto il potenziale socio-economico e ambientale delle tecnologie di IA.
In secondo luogo, sottolinea che l’Unione deve agire per promuovere maggiori investimenti e rafforzare la competitività economica delle imprese europee.
In terzo luogo, sottolinea che “il settore dei trasporti dell’Unione ha bisogno di un aggiornamento del quadro normativo relativo a tali tecnologie emergenti e al loro utilizzo nel settore dei trasporti e di un chiaro quadro etico per ottenere un’IA affidabile che comprenda la sicurezza, la protezione, il rispetto dell’autonomia umana, la supervisione e gli aspetti di responsabilità”. Il quadro normativo dell’UE deve fornire una soluzione equilibrata tra il sostegno all’innovazione e la tutela della sicurezza e dei diritti dei consumatori. La risoluzione 2020 sottolinea, inoltre, l’importanza di sviluppare infrastrutture moderne (ad esempio, sistemi di trasporto intelligenti e una rete 5G) e di sviluppare “standard di IA affidabili a livello di Unione europea per tutte le modalità di trasporto, compresa l’industria automobilistica, e per il collaudo dei veicoli abilitati all’IA e dei relativi prodotti e servizi.

La valutazione del valore aggiunto sul quadro europeo sugli aspetti etici dell’IA artificiale, dell’intelligence, della robotica e delle tecnologie correlate dimostrano che l’azione legislativa congiunta dell’UE sugli standard etici per i sistemi di IA potrebbe “dare impulso al mercato interno e stabilire un importante vantaggio strategico”. Un quadro comune dell’UE in materia di etica ha il potenziale di portare l’Unione Europea 294,9 miliardi di euro di PIL aggiuntivo e 4,6 milioni di posti di lavoro aggiuntivi entro il 2030.

 

a cura di Leonardo Annese