Inizia a Ipswich la prova dei veicoli collegati leader nel mondo

E’ stato lanciato un progetto molto pubblico in cui fino a 500 partecipanti avranno le loro auto dotate di tecnologia C-ITS, che permetterà a questi veicoli di comunicare tra loro, con i sistemi cloud e le infrastrutture stradali.

Chiamato Ipswich Connected Vehicle Pilot (ICVP), è la componente pubblica del progetto CAVI 500-veicolo C-ITS Field Operational Test di iMOVE.

Funzionerà per un periodo compreso tra i 9 e i 12 mesi e coinvolgerà fino a 500 partecipanti che equipaggeranno i veicoli con C-ITS e installando 30 segnali stradali dotati di dispositivi di comunicazione a bordo strada.

Questo progetto è guidato dal Dipartimento dei Trasporti e delle Strade principali (Queensland), con ricerche fornite dal Centro per la ricerca sugli incidenti e la sicurezza stradale del QUT – Queensland (CARRS-Q) e si svolge sulle strade di Ipswich e Queensland. Altre organizzazioni coinvolte nel progetto, tra cui iMOVE, sono Telstra, Department of Infrastructure, Transport, Regional Development and Communications (DITRDC), Motor Accident Insurance Commission e Ipswich City Council (ICC).

Alla guida dei loro veicoli retrofit come farebbero normalmente, sono membri del pubblico che vivono, lavorano o viaggiano regolarmente attraverso Ipswich. Oltre a questi veicoli locali, due Lexus RX450h equipaggiate con C-ITS sono state prestate da Toyota Australia per essere testate all’interno dell’area del progetto ICVP.

Che tecnologia c’è nei veicoli?

I veicoli partecipanti saranno dotati di attrezzature temporanee, tra cui un’antenna montata su un portapacchi, nonché una scatola per le comunicazioni di bordo posta sotto il sedile del conducente e un dispositivo sul cruscotto che visualizzerà le avvertenze di sicurezza per il conducente. Questa apparecchiatura permetterà al veicolo di condividere la sua posizione, la velocità e altri dati, nonché di ricevere dati dai segnali stradali e dai sistemi di gestione del traffico relativi ai semafori, ai limiti di velocità, ai lavori stradali e ai pericoli della strada. I veicoli partecipanti non condivideranno le informazioni con altri veicoli collegati come parte di questa prova.

Il professor Andry Rakotonirainy, direttore di CARRS-Q di QUT, ha dichiarato: “Questa nuova tecnologia aiuterà le persone a guidare in sicurezza e, in ultima analisi, a ridurre i traumi stradali. Il nostro team ha condotto molti test di questa nuova tecnologia per garantire che non distragga i conducenti, ma, attraverso un preavviso, li aiuterà ad adottare un comportamento più sicuro durante la guida”.

La tecnologia a bordo dei veicoli del progetto fornirà ai conducenti segnale di allarme, anche quando il loro comportamento di guida non è favorevole a un risultato sicuro, come ad esempio fermarsi in tempo per il semaforo rosso. Contribuirà anche ad evitare le collisioni, aiuterà i conducenti ad essere più consapevoli dei ciclisti e dei pedoni e a ridurre la congestione sulle strade trafficate.

 

 

Strade più sicure, meno congestione, meno inquinamento

Oggi è un giorno emozionante e importante. La prova che stiamo avviando qui è la più grande prova di veicoli collegati nell’emisfero meridionale, e uno dei più grandi riali del suo genere al mondo”, ha detto Ian Christensen, Managing Director di iMOVE Australia.

“Crediamo in questo perché crediamo che, consentendo alle auto di scambiarsi informazioni tra loro e con gli incroci, renderemo le nostre strade più sicure, miglioreremo il flusso del traffico e ridurremo l’inquinamento”.

Ma questo non può accadere in modo isolato. È un lavoro di squadra, e ci sono molti membri del team. Il fondamento di questa squadra è la comunità di Ipswich, e vi ringrazio per il vostro entusiastico coinvolgimento. Il team comprende anche un piccolo esercito di scienziati, ingegneri, tecnici, aziende, governi statali e federali e leader della comunità.

Questa prova, utilizzando 500 partecipanti, i loro veicoli, le autostrade intelligenti e 30 incroci di Ipswich appositamente strumentati, manterrà l’Australia tra i paesi leader nel mondo nell’applicazione di nuove tecnologie per rendere le nostre strade più sicure. Siamo determinati a ridurre il numero di incidenti sia nelle nostre città che nelle nostre aree rurali”.

 

https://imoveaustralia.com/news-articles/intelligent-transport-systems/ipswich-connected-vehicle-trial/