CT 3.4 Impatto Ambientale delle Infrastrutture Stradali e dei Trasporti

SARA FRISIANI

Presidente
Ing. SARA FRISIANI
Direttore Tecnico Ambiente, Tecne – Gruppo Autostrade per l’Italia S.p.A.

Laureata in Ingegneria per l’Ambiente e il Territorio con indirizzo Difesa del Suolo all’Università di Genova, ha successivamente conseguito un Master in Gestione e Controllo dell’Ambiente presso la Scuola Superiore di Studi Universitari di Perfezionamento S. Anna di Pisa.

Ha oltre 20 anni di esperienza nei settori ingegneria e ambiente.

Attualmente ricopre in TECNE Gruppo Autostrade per l’Italia il ruolo di Direttore Tecnico della Direzione Ambiente.

La Direzione Tecnica Ambiente affronta tutti gli aspetti ambientali associati alla progettazione e realizzazione di un’infrastruttura: dagli studi propedeutici (ambientali, archeologici, acustici, naturalistici e paesaggistici), alla progettazione specialistica (modellazione atmosferica ed acustica, progettazione architettonica e paesaggistica e interventi di ingegneria naturalistica), fino ad arrivare alle attività di monitoraggio ambientale che seguono la realizzazione degli interventi, compresa l’entrata in esercizio.

Nello sviluppo del progetto, la Direzione Tecnica Ambiente fornisce supporto nella definizione e progettazione delle opere di mitigazione, incentivando la realizzazione di progetti sostenibili e innovativi: da semplici accorgimenti operativi, a interventi di mitigazione acustica, vegetazionale e faunistica, a interventi di forestazione a compensazione delle emissioni di CO2, a studi dettagliati di inserimento dell’intervento nel contesto paesaggistico esistente.

In qualità di Direttore Tecnico coordina la predisposizione della documentazione a valenza ambientale redatta a supporto dei progetti di nuovi interventi nelle diverse fasi, nonché a supporto della realizzazione/direzione lavori e dell’esercizio degli stessi. Coordina quindi un team multidisciplinare, gestisce le relazioni con i Clienti e coordina le attività di informazione, comunicazione e negoziazione con i cittadini, i Comitati locali e le Autorità.

PRES - Giovanni Magarò

Vicepresidente
Giovanni Magarò

Dirigente Responsabile Pianificazione Strategica, Analisi e Classificazione Rete – Direzione Tecnica, Anas S.p.A.

VICE - Patrizia Bellucci2

Vicepresidente
Patrizia Bellucci

Responsabile PMO Ricerca & Sviluppo – Direzione Servizi alla Produzione, Anas S.p.A.

VICE - Giuseppe Mastroviti2

Vicepresidente
Giuseppe Mastroviti

Direttore Tecnico (CTO) e Direttore di Esercizio (COO) A35 Brebemi S.p.A.

Il Comitato 3.4 rientra all’interno del Tema Strategico 3: “Sicurezza e sostenibilità” e si articola su tre sub-temi i quali trovano riscontro anche nei gruppi internazionali (seppur con diverse sensibilità come nel caso del gruppo Archeologia):

  • 4.1 – Inquinamento atmosferico ed acustico
  • 4.2 – Impatto delle infrastrutture sulla biodiversità
  • 4.3 – Archeologia
  • 4.1 – Inquinamento atmosferico ed acustico

Nello scorso ciclo è stato svolto un grande lavoro relativamente al tema acustico, si propone quindi di partire proprio dal risultato finale del precedente ciclo dando maggior rilievo alla definizione di strategie e linee guida per supportare gli iter decisionali degli enti, obiettivo primario del gruppo di lavoro. Verranno quindi identificati i principali strumenti a supporto delle decisioni valutandone la sostenibilità ed applicabilità anche in relazione ad alcuni casi studio. Rispetto al precedente ciclo, il tema acustico e atmosferico sono stati accorpati, questo darà modo di estendere l’approccio tenuto per il tema delle emissioni acustiche anche alla qualità dell’aria.

  • 4.2 – Impatto delle infrastrutture sulla biodiversità

A livello nazionale non vi è stato ad oggi un risultato significativo, si partirà quindi dall’analisi dello stato dell’arte e dalla definizione delle misure di mitigazione sin dalla fase di progettazione con successiva verifica dell’efficacia in fase di esercizio.

L’obiettivo infatti è di individuare strategie sostenibili e misure di mitigazione atte a ridurre il problema della frammentazione e l’impatto delle infrastrutture stradali su flora e fauna. Anche in questo caso sarà utile calare le proprie analisi su specifici casi studio.

  • 4.3 – Archeologia

Anche per l’Archeologia, tema per cui si è voluta fortemente l’inclusione all’interno del Comitato tecnico, soprattutto grazie all’Arch. Magarò, si partirà da una prima ricognizione dello stato dell’arte al fine di valutare l’efficacia delle attività che precedono l’inizio dei lavori di realizzazione di un’opera e di identificare best practice per minimizzare le “interferenze” con i beni archeologici.

Stakeholders individuati: amministrazioni pubbliche, pianificatori, progettisti, enti gestori e proprietari delle strade, società concessionarie e imprese di costruzione. Questo permetterà di avere anche un ritorno di immagine per i soggetti e le Società che collaboreranno nei vari gruppi di lavoro.

La metodologia di lavoro è definita secondo quanto condiviso già con i diversi comitati nazionali e internazionali ed ha l’obiettivo di cadenzare le attività per orizzonti brevi, ovvero in termini di mesi. Si è deciso quindi di concordare obiettivi a piccoli passi, per produrre documentazione in maniera costante e continuativa durante l’intero ciclo di lavoro e implementarla e divulgarla progressivamente.

Ing. FRISIANI Sara Presidente Tecne S.p.A.
Arch. Magarò Giovanni Vicepresidente Anas S.p.A.
Ing. Bellucci Patrizia Vicepresidente Anas S.p.A.
Ing. Mastroviti Giuseppe Vicepresidente A35 Brebemi S.p.A.