CT 2.4 + 2.5 Gestione della Rete Stradale e ITS per la Sostenibilità / Infrastruttura Stradale per la Mobilità Connessa e Autonoma

Presidente
Ing. LUIGI CARRARINI
Responsabile Centre of Excellence Smart Road & Structural Health Monitoring – Direzione Technology, Innovation & Digital Spoke, Anas S.p.A.

Luigi Carrarini ha conseguito la laurea in ingegneria elettronica presso la Sapienza Università di Roma nel 1997. Da decenni si occupa di sistemi di trasporto intelligenti ed è attualmente “Head of Centre of Excellence Smart Road & Structural Health Monitoring” di Anas, l’Ente Nazionale per le Strade, e Project Manager della Smart Road Anas. In qualità di Program Manager, si occupa quotidianamente del cambiamento gestendo progetti destinati a innovare radicalmente le infrastrutture e le operazioni di Anas. È autore di numerosi articoli e coautore delle linee guida per la sicurezza in galleria di Anas.

VICE - Carambia

Vicepresidente
Benedetto Carambia

Responsabile R&D and Innovation – Movyon S.p.A., Gruppo Autostrade per l’Italia

 

La mobilità stradale è un aspetto cruciale della società moderna. Il modo in cui le strade sono progettate, costruite e gestite ha un impatto significativo sull’accessibilità e la mobilità delle persone, sulla sicurezza e sull’ambiente. Nell’ambito del tema strategico inerente alla mobilità, il comitato tecnico CT 2.4 + 2.5 “Gestione della Rete Stradale e ITS per la Sostenibilità / Infrastruttura Stradale per la Mobilità Connessa e Autonoma” considera l’uso di nuove tecnologie al fine di ottimizzare il funzionamento della rete stradale, migliorare la sicurezza e ridurre l’impatto ambientale.

Per il nuovo ciclo PIARC 2024-2027, i temi del Comitato Tecnico 2.4 + 2.5 “Gestione della Rete Stradale e ITS per la Sostenibilità / Infrastruttura Stradale per la Mobilità Connessa e Autonoma”, presieduto dall’ing. Luigi Carrarini, risultano essere in linea con quelli previsti dal comitato internazionale:

  • Applicazioni delle nuove tecnologie e del concetto di trasformazione digitale alle operazioni della rete stradale: Le tecnologie digitali stanno cambiando il modo in cui le persone si muovono e si comportano. Gli ecosistemi della mobilità sono sempre più basati su servizi digitali e on demand e trasporti integrati. Rapportare il concetto di trasformazione digitale alle operazioni della rete stradale può supportare le agenzie stradali grazie ai riferimenti e alle migliori pratiche che questo lavoro potrà creare. L’applicazione delle nuove tecnologie è strettamente legata alla condivisione delle pratiche ed allo scambio di conoscenze.
  • Concepire soluzioni ITS per la mobilità sostenibile: questo lavoro è importante per le agenzie stradali perché c’è una grande mancanza di linee guida e standard per consentire questa evoluzione. Nel corso del ciclo precedente i collegamenti con la sostenibilità e la resilienza sono emersi molto frequentemente. In riferimento all’evoluzione degli ITS e dei C-ITS nelle infrastrutture digitali connesse a tutto, ciò sembra essere la naturale evoluzione della tematica.
  • Sviluppo della RNO e degli ITS nei Paesi a basso e medio reddito: Lo scopo di questo lavoro è quello di analizzare per comprendere meglio le regole per lo sviluppo di RNO e ITS nei Paesi a reddito medio-basso.
Ing. CARRARINI Luigi Presidente Anas S.p.A.
Ing. Carambia Benedetto Vicepresidente Movyon S.p.A.
Ing. Bezzi Francesco Vicepresidente Anas S.p.A.