Per la valutazione 2020 dei sistemi di assistenza stradale, Euro NCAP ha sviluppato protocolli di test e valutazione dedicati, suddivisi in due aree principali: Competenza di assistenza, basata sull’equilibrio tra l’impegno del conducente e l’assistenza al veicolo e il backup della sicurezza.

Competenza di Assistenza
Per garantire una sicurezza e un supporto ottimali, il livello di assistenza fornito dal veicolo deve essere abbinato alla percezione del conducente e alla capacità del sistema di mantenere il conducente impegnato e nel compito di guida.

 

Coinvolgimento del conducente
I protocolli di impegno del conducente in questo settore considerano quanto bene il produttore spiega ai consumatori come funziona il sistema, chiarisce i suoi limiti e garantisce una comunicazione chiara in modo che il conducente e il sistema possano cooperare per controllare il veicolo in modo sicuro. I protocolli sono:

Informazioni per i consumatori

Un buon nome di sistema non deve essere fuorviante e deve contenere la parola Assistenza per identificare chiaramente la progettazione del sistema e il suo scopo di assistere il conducente. Inoltre, il nome del sistema non dovrebbe mai contenere la parola “auto” o fare riferimento all’automazione.

Stato del sistema

Qualsiasi sistema deve indicare chiaramente al conducente il suo stato (cioè se è inserito o disinserito) utilizzando segnali visivi, acustici o tattili o una combinazione di questi.

Monitoraggio del conducente

Con un livello di assistenza sempre maggiore, diventa sempre più critico per il sistema garantire che il conducente rimanga impegnato nella guida. I migliori sistemi sono dotati di sensori di monitoraggio del conducente che possono “vedere” il conducente per determinare il livello di impegno. Quando viene rilevato un conducente disinserito, il sistema dovrebbe emettere un avviso e dopo un certo tempo dovrebbe aumentare questo avviso. Infine, se non c’è una risposta del conducente, il sistema dovrebbe entrare in modalità di emergenza.

Collaborazione alla guida

I sistemi di assistenza alla guida dovrebbero offrire un supporto allo sterzo mentre il conducente mantiene il pieno controllo e lavora con le intenzioni del conducente, non contro di lui. L’input di sterzo applicato al volante per bypassare il sistema non deve avere la sensazione di lottare contro il veicolo. Quando il conducente si allontana dal centro della corsia, per qualsiasi motivo, il sistema deve rimanere inserito ma sempre sovrascrivibile, per garantire la sensazione di cooperazione, non un passaggio di controllo.

Sterzare per evitare un ostacolo
Sterzo per evitare un ostacolo

 

Assistenza veicoli
Assistenza al veicolo Questa parte della valutazione esamina come il sistema AD controlla il veicolo quando è inserito: se reagisce o meno correttamente all’enorme varietà di limitazioni del controllo della velocità che si possono incontrare, ad esempio, o la quantità di supporto dello sterzo nelle curve di tipo autostradale. I protocolli sono i seguenti:

Assistenza alla velocità

Le autostrade di tutta Europa hanno limiti di velocità variabili a seconda delle condizioni meteorologiche, della densità del traffico o dell’ora del giorno. Molti sistemi supportano il conducente nell’impostare la velocità del cruise control adattivo (ACC) al corretto limite di velocità. I migliori sistemi supportano anche il conducente ad abbassare la velocità nei casi in cui il limite di velocità massima ufficiale supera la velocità sicura e appropriata per una strada, considerando caratteristiche come curve strette.

Prestazioni del Cruise Control adattivo

Car cutting-in in frontCar cutting-in in frontAdaptive Cruise Control (ACC) è un sistema di comfort per mantenere una distanza di sicurezza dalla vettura che precede. Tuttavia, anche durante la guida giornaliera, l’ACC potrebbe dover affrontare eventi più critici come il taglio di veicoli davanti alla vettura o, in un caso estremo, un veicolo fermo davanti. Sistemi ben sviluppati risponderanno a tempo debito a una varietà di situazioni, comprese quelle poco frequenti ma molto critiche.

Avvicinamento ad un’auto ferma in curva
Avvicinamento ad un’auto ferma in curva
I sistemi che offrono funzionalità stop-and-go dovrebbero garantire che, quando il veicolo riprende automaticamente la guida, la strada davanti a sé sia sgombra e che il conducente sia attento e in grado di supervisionare il compito di guida.

Assistenza alla sterzata

Pur mantenendo il controllo dello sterzo come conducente, il sistema supporta il conducente a rimanere in corsia in una sequenza di curve. I buoni sistemi avviano almeno un’azione di sterzo per aiutare il conducente ad effettuare la curva corretta e/o, in caso di curve strette, abbassano la velocità per garantire che la curva possa essere effettuata senza il massimo sforzo.

Sterzo in curva a S
Sterzo in curva a S
In un’area di guida assistita fortemente regolamentata, alcuni sistemi offrono un sistema di assistenza al cambio di corsia avviato dal guidatore, che utilizza sensori che guardano lateralmente e all’indietro per garantire che la corsia adiacente sia libera prima che il veicolo effettui il cambio di corsia.

 

Backup di sicurezza
I sistemi di assistenza stradale sono caratteristiche di comfort per supportare il conducente durante il viaggio. Laddove il supporto del comfort non è sufficiente ad evitare una collisione imminente, un sistema di sicurezza dovrebbe prendere il sopravvento e intervenire con tutti i mezzi possibili, indipendentemente dal comfort degli occupanti. Nel Safety Backup si valuta la misura in cui il sistema è a prova di guasto, nei casi in cui il conducente non è riuscito a reagire a un evento critico, e come reagisce in queste situazioni di emergenza. I protocolli sono:

Prevenzione delle collisioni

Nel caso in cui il livello di comfort del veicolo non possa evitare o solo mitigare un incidente, il veicolo dovrebbe intervenire con più forza (senza tener conto del comfort del conducente), utilizzando AEB o LSS, per cercare di evitare un incidente nel caso in cui il conducente non intervenga.

Guasto del sistema

In condizioni meteorologiche estreme, come la neve o la pioggia battente o un sensore malfunzionante, è fondamentale che il conducente sia informato e che i sistemi siano disinseriti.

Intervento del conducente che non risponde

In un altro evento improbabile in cui il conducente è stato disinserito per un lungo periodo e la sequenza di avviso non è riuscita a far rientrare il conducente nel ciclo, il sistema dovrebbe presumere che il conducente sia fisicamente incapace di guidare. Con questa ipotesi, il veicolo dovrebbe portare il veicolo ad un arresto controllato, idealmente sulla spalla dura, mantenendo il controllo laterale e longitudinale. Il cambio automatico di corsia in questa circostanza è vietato dalla normativa, ma sarebbe la manovra preferibile sopra l’arresto del veicolo nella corsia di marcia.

 

 

 

il sistema ADAS

 

a cura di Leonardo Annese